Adidas Hu

Classico Adidas Hu - Risparmia il 10% su ogni ordine. Oltre 1000 stili sono in liquidazione.

Il 4 aprile è stato annunciato che sarà il belga Anthony Vaccarello, che disegnava la linea Versus di Versace dal 2013, a guidare Saint Laurent al posto di Hedi Slimane, Nel 2009 Vaccarello ha fondato la linea che porta il suo nome: si trova a Parigi, disegna solo abiti da donna e non ha boutique monomarca ma vende in negozi come Colette a Parigi, Kirna Zabête a New York e in tutto il mondo grazie al sito di e-commerce di lusso Net-a-Porter. Molti critici sono adidas hu convinti che Vaccarello aiutasse Donatella Versace a disegnare le collezioni della prima linea, che nell’ultimo anno è cambiata molto..

Il 22 ottobre 2015 lo stilista Raf Simons si è dimesso dal ruolo di direttore creativo della casa di moda Christian Dior dopo solo tre anni e mezzo, Simons ha portato il 60 per cento in più di vendite a Dior e pare si sia dimesso per i ritmi di lavoro troppo stressanti. Suzy Menkes ha scritto che la scarsità di tempo per lavorare alle collezioni non riguarda solo Simons, ma anche altri stilisti in precedenza: Alexander Wang, che se ne è andato da Balenciaga, o Galliano, che ai tempi di Dior si lamentava di essere sempre sotto pressione, Da mesi gli esperti, tra cui la rivista  The Fashion Law, scrivono che Simons potrebbe sostituire adidas hu Francisco Costa e Italo Zucchelli a Calvin Klein, occupandosi quindi della direzione della moda uomo e donna..

Fashionista propone diverse ipotesi sul successore di Raf Simons a Dior: Sarah Burton, direttrice creativa di Alexander McQueen dal 2010; Olivier Rousteing, stilista di Balmain ; Riccardo Tisci o Joseph Altuzarra, che disegnano le collezioni di Givenchy, Tuttavia bisognerà aspettare ancora un po’ per sapere chi prenderà il posto di Simons: a adidas hu dicembre Dior ha detto che le prossime due collezioni (l’alta moda della primavera 2016 e la prêt-à-porter autunno-inverno 2016-17) saranno disegnate dalla squadra di stilisti che già lavorano nella casa di moda, Se dovesse essere Burton a sostituire Simons, è probabile che Fiona Sinha e Aleksandar Stanic, che disegnano la seconda linea di Alexander McQueen, McQ, prendano il suo posto alla direzione creativa..

A marzo la casa di moda francese Lanvin ha nominato come nuova direttrice creativa della linea femminile la stilista Bouchra Jarrar: nell’ottobre 2015 lo stilista israeliano Alber Elbaz, alla direzione di Lanvin per 14 anni, era stato licenziato a causa di contrasti con la proprietaria della casa di moda, l’imprenditrice taiwanese Shaw-Lan Wang Jarrar. I dipendenti invece erano dalla parte di Elbaz e si sono lamentati del suo licenziamento. Prima che venisse annunciata l’assunzione di Jarrar sembrava che potesse essere Stefano Pilati, che a febbraio si è dimesso da Ermenegildo Zegna dove lavorava dal 2012, a sostituire Elbaz.

Dal adidas hu 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo, E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove, Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post, Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli, È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post, È un modo per esserci, quando ci si conta..

Dopo aver diretto rispettivamente la linea uomo e donna per più di dieci anni: ora verranno dirette da un unico stilista E che in fatto di stile consigliava "Nel dubbio, meglio esagerare": oggi compie 75 anni Quanto costano, di che marca sono e dove comprare i vestiti che ha indossato in India e Bhutan

I leggings, i pantaloni molto aderenti in tessuto elasticizzato usati in alternativa ai adidas hu collant coprenti, vanno di moda da decenni e, nonostante le cicliche e accese discussioni tra chi li indossa e chi li detesta, non accennano a smettere, Un articolo della rivista di moda Refinery29 ne racconta la lunga storia, Esistono dagli anni Cinquanta quando furono proposti da Emilio Pucci e poi anche da  Mary Quant (considerata l’inventrice della minigonna) negli anni Sessanta in abbinamento ad abiti corti e a scarpe alte col plateau, Proprio Emilio Pucci coniò il termine “fuseaux” (da “fuso” per la forma del corpo femminile quando li indossa), con cui si chiamavano i leggings in Italia fino agli anni Duemila, Nel 1960 Pucci lanciò i pantaloni Viva che avevano un passante elastico da tenere sotto la pianta del piede per mantenere più tesa la stoffa dei fuseaux, Pucci lanciò anche il modello cosiddetto “capri”, ovvero quello dei pantaloni attillati e con una lunghezza compresa tra ginocchio e caviglia: il modello indossato ad esempio da Audrey Hepburn in Sabrina..

Negli anni Settanta andavano di moda pantaloni più larghi, ma nella scena finale di Grease, uscito nel 1978 anche se ambientato negli anni Cinquanta, Sandy (interpretata da Olivia Newton-John) indossa un paio di leggings di pelle nera, La Sandy in versione “cattiva ragazza”, con permanente, sigaretta e leggings di pelle apre la porta allo stile degli anni Ottanta, di cui i leggings sono un elemento importante, Vogue fa risalire l’invenzione dei veri e propri leggings alla stilista Patricia Field, poi diventata costumista di adidas hu serie tv famose come Sex & The City..



Messaggi Recenti