Adidas Sharks

Classico Adidas Sharks - Risparmia il 10% su ogni ordine. Oltre 1000 stili sono in liquidazione.

Trendyol è conosciuto anche all’estero grazie ai social network, in particolare Instagram, Molte persone commentano in arabo e in russo alcune immagini pubblicate sul sito, chiedendo che i prodotti venissero spediti anche nei loro paesi, Qualcuno deve aver notato i commenti e averci visto una possibilità di guadagno e ha contattato Trendyol proponendo di vendere adidas sharks all’ingrosso alcuni dei suoi prodotti, Per ogni prodotto i rivenditori pubblicano le foto di Trendyol sui loro account di Instagram (per l’Iran c’è, ad esempio, Irantrendyol ) che sono quindi simili ai cataloghi, e li accompagnano alle istruzioni su come fare per comprare il prodotto: raccolgono le richieste dei clienti attraverso Whatsapp o Telegram e poi fanno l’ordine a Trendyol, I prodotti vengono spediti in magazzini che si trovano in Turchia: sono poi gli amministratori degli account di Instagram, Whatsapp e Telegram che organizzano il loro trasporto nel proprio paese..

Tutto il processo è molto organizzato e serio: i prodotti sono venduti con un equo sovrapprezzo e ognuno ha una descrizione accuratamente tradotta dal turco, I rivenditori usano compagnie di trasporti affidabili e organizzano tragitti che non attraversano la Siria, pericolosa a causa della guerra civile e della presenza dell’ ISIS, Anche se parte dell’Iraq è tuttora sotto il controllo dello Stato Islamico, alcune città si trovano in una situazione stabile e sono abitate da persone benestanti e interessate ad acquistare adidas sharks capi più o meno di lusso. In Iran la fine delle sanzioni internazionali renderà sempre più facile  importare e comprare i prodotti stranieri, ma per ora questo sistema è molto diffuso e Irantrendyol ha più di 31mila followers, In altri paesi, questi account utilizzati dai rivenditori hanno anche più di 100mila followers..

Mutlu non ha specificato quanto Trendyol guadagni da questo sistema, ma si tratta di una cifra vantaggiosa, dato che nonostante la grande richiesta non ha intenzione di aprire il suo mercato ad altri paesi, traducendo il sito in altre lingue e organizzando un sistema di spedizione internazionale. Mutlu ha spiegato che parte del successo dei vestiti di Trendyol in Medio Oriente, in Asia centrale e in alcuni paesi dell’est europeo è dovuto alle soap opere turche, che sono trasmesse in moltissimi paesi, in Nordafrica, nei Balcani, in Russia e in  Azerbaijan, Per i marchi che vogliono espandere il loro mercato in questi paesi, i programmi televisivi turchi (quelli citati da Mutlu sono Kiralik Ask, Karadayi, Kara Sevda, Poyraz Karayel e Medcezir, casomai vi fosse capitato di vederli) sono una fonte di pubblicità importante, Per questo Trendyol e altre aziende forniscono i loro prodotti alle produzioni di adidas sharks questi programmi, Anche dal Kazakistan, dall’Uzbekistan, dalla Grecia e dalla Romania arrivano richieste a Trendyol, perché anche in questi paesi vengono trasmesse le soap opera turche..

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo. E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove. Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli. È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

È tra le aziende occidentali di lusso che ha più successo tra le donne che portano abiti tradizionali, come i sari in India e gli hijab in Arabia Saudita Sono prodotte in Siria per i combattenti jihadisti e in altri paesi per i simpatizzanti dello Stato islamico Quali sono i servizi che adidas sharks permettono ai privati di affittare il proprio guardaroba, per un weekend, una settimana o un mese.

Lo stilista inglese Paul Smith è uno dei più importanti stilisti britannici, famoso per la fantasia a righe sottili e colorate e gli abiti eleganti dal taglio sartoriale inglese con qualche particolare originale che non li rende comunque troppo eccentrici e difficili da portare. Smith è nato a Nottingham il 5 luglio 1946, e oggi compie 70 anni. La  sua storia da stilista cominciò nel 1970 quando, con l’aiuto di quella che sarebbe diventata sua moglie, aprì un piccolo negozio di vestiti a Nottingham: vendeva marchi come  Kenzo e Margaret Howell, e dopo un po’ cominciò a proporre capi disegnati da lui e realizzati da artigiani locali. Per i primi sei anni Smith tenne aperto solo il venerdì e il sabato, e nel resto del tempo lavorava per migliorarsi come stilista da autodidatta. Tenne la sua prima sfilata a Parigi nel 1976. Il suo stile unisce elementi della tradizione sartoriale inglese – per i primi 20 anni di carriera ha realizzato solo abiti maschili – a dettagli eccentrici spesso molto colorati. Ad esempio, la collezione maschile per la primavera-estate 2017 è ispirata ai colori della bandiera dei rasta giamaicani – e infatti la colonna sonora della sfilata era di canzoni di Bob Marley. Nel 2000 Smith è stato nominato baronetto – Sir – dalla regina Elisabetta II.

Un ciclista mancato Se non fosse stato per un incidente accadutogli a 17 anni, forse Paul Smith non sarebbe mai diventato uno stilista: il suo sogno infatti era diventare un ciclista professionista, Durante la adidas sharks lunga convalescenza in ospedale fece amicizia con alcune persone che lo introdussero al mondo dell’arte e della musica e lo invogliarono a fare un lavoro creativo, in particolare lo stilista, Tuttora le biciclette e gli abiti tecnici dei ciclisti continuano a essere una fonte di ispirazione per Smith, che colleziona vecchie magliette indossate dai partecipanti del  Giro d’Italia e del Tour de France; ha anche realizzato un libro che mostra la sua collezione, il Paul Smith’s Cycling Scrapbook, uscito alla fine di maggio. Smith ha anche disegnato la maglia rosa della 96esima edizione del Giro d’Italia, la prima vinta da Vincenzo Nibali, e produce una linea di capi tecnici per il ciclismo, sia da uomo sia da donna, la Paul Smith 531, Il ciclista Mark Cavendish festeggia la vittoria a una tappa del 96esimo Giro d’Italia insieme allo stilista Paul Smith, che disegnò la maglia rosa di quell’edizione, il 4 maggio 2013, a Napoli (LUK BENIES/AFP/Getty Images).

Classic with a twist Paul Smith ha sempre riassunto il suo modo di fare moda con l’espressione “ Classic with a twist “, cioè “Classico con un imprevisto”: nonostante il suo stile eccentrico e la sua passione per gli oggetti kitsch Smith disegna abiti semplici e immediati, secondo lui le persone vogliono indossare cose belle ma facili da capire, A differenza di un’altra importante stilista inglese, Vivienne Westwood, Smith ha sempre disegnato abiti che fossero prima adidas sharks di tutto facili da portare, Anche per questo i suoi completi sono portati da uomini di tutte le età, dai diciottenni agli ultra-sessantenni, I twist (letteralmente il termine indica i colpi di scena nei film) possono essere una fodera colorata, una fantasia originale (come le stampe realizzate a partire da fotografie, di cui Smith è appassionato), un cambio insolito in una stoffa tweed tradizionale: negli anni i twist sono diventati a loro volta un classico e quindi è difficile capire quanto apparissero diversi quando Smith iniziò la sua carriera, È anche tra i primi stilisti ad aver realizzato le sneaker bianche che vanno tanto di moda : le propone in due versioni dai nomi in italiano, dato che sono prodotte in Italia, le Basso e le Alto, Lui stesso le indossa molto spesso, Paul Smith con i modelli che hanno sfilato per la collezione primavera-estate 2016, il 28 giugno 2015, a Parigi (PATRICK KOVARIK/AFP/Getty Images).



Messaggi Recenti