Fjallraven Uk

Classico Fjallraven Uk - Risparmia il 10% su ogni ordine. Oltre 1000 stili sono in liquidazione.

Nei primi Sessanta anche la figlia di Gigliola, Raffaella Curiel, iniziò a occuparsi di moda e, dopo un’esperienza a Parigi nello studio dello stilista Pierre Balmain, nel 1965 presentò la sua prima collezione a New York, sempre da Bergdorf & Goodman, Dopo la morta della madre, nel 1969, Raffaella Curiel aprì in via Matteotti a Milano un atelier con il suo nome, che è ancora oggi sede dell’azienda, I fjallraven uk suoi abiti sono molto classici e negli anni Ottanta disegnò alcune collezioni ispirandosi ad artisti come Gustav Klimt, Vincent Van Gogh e Pablo Picasso, riproducendo sugli abiti i loro quadri più famosi, Nel 2001 dedicò una collezione allo scrittore francese Victor Hugo per il bicentenario della nascita, che venne presentata a palazzo Farnese a Roma, la sede dell’ambasciata francese..

Nell’azienda lavora anche Gigliola Castellini Curiel, figlia di Raffaella; dopo aver studiato economia fjallraven uk all’università Bocconi e aver frequentato il Central Saint Martin College of Art and Design di Londra, disegnò la sua prima collezione nel 1998, In questi anni ha sempre aiutato la madre con le sfilate, occupandosi soprattutto degli accessori, e ha anche disegnato una linea personale di prêt-a-porter, Raffaella e Gigliola Curiel lavoreranno insieme a RedStone: con molta probabilità la prima collezione della nuova società verrà presentata a gennaio 2017..

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose fjallraven uk in più, e migliora il mondo, E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove, Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post, Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli, È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post, È un modo per esserci, quando ci si conta..

In questi giorni a Parigi sfilano le collezioni di alta moda: cos'è, quand'è nata, quali maison se ne occupano, e chi porta davvero quegli abiti stravaganti e costosissimi Al MAXXI si può visitare fino al 3 maggio “Bellissima. L’Italia dell’alta moda 1945-1968”, che racconta lo stile e la bellezza femminile di un altro tempo L'azienda di moda dove lavorano quasi solo donne, famosa per lo stile colorato e moderno, ha avuto molti alti e bassi: ora è in un momento "alti"

Marimekko è probabilmente la più importante azienda di moda e design in Finlandia, dove ha cambiato il modo di vestire delle donne e introdotto abiti più comodi e moderni, con stampe e fjallraven uk fantasie che vengono utilizzate tuttora: prima tra tutte la celebre Unikko, quella con il papavero rosso, che probabilmente avete visto in giro anche in Italia, Nel 1960 divenne famosa in tutto il mondo grazie a Jacqueline Kennedy, che indossò alcuni vestiti di Marimekko durante la campagna elettorale del marito John F, Kennedy per la presidenza degli Stati Uniti, Per i successivi vent’anni i vestiti e gli oggetti per la casa di Marimekko furono venduti in molti paesi e rappresentarono bene lo spirito dell’epoca: abiti da portare facilmente ogni giorno, dal design molto curato e dai tessuti di qualità, con stampe grafiche, optical, dai colori vivaci e lo stile allegro..

Negli anni Ottanta l’azienda entrò in crisi e rischiò la bancarotta; negli ultimi anni si è ripresa, ha aumentato le vendite, ha aperto negozi monomarca in tutto il mondo e accresciuto nuovamente la sua popolarità. Il blog dell’American Institute of Graphic Arts, la più importante associazione di designer statunitensi, ha raccontato la storia dell’azienda, i cambiamenti che ha portato nel mondo della moda e com’è lavorarci ora. Marimekko fu fondata nel 1951 da Armi Ratia, una disegnatrice di tessuti. Due anni prima suo marito Viljo Ratia aveva aperto Printex, una piccola fabbrica di tela cerata che però era andata subito in crisi. Armi Ratia ebbe l’idea di investire sul design dei tessuti, invitando giovani artisti a disegnare fantasie colorate e dal gusto moderno. Nel 1951, per attirare nuovi clienti, organizzò una sfilata con vestiti disegnati dalla stilista Riitta Immonen e le nuove stampe realizzate per Printex: fu un grosso successo e cinque giorni dopo, il 25 maggio, venne fondata Marimekko. Il nome significa in finlandese “il vestito di Mary”, come a dire il vestito adatto a tutte le donne (anche se Armi Ratia voleva chiamarla con un più autoreferenziale Armimekko): l’idea era proporre vestiti per la vita quotidiana dallo stile contemporaneo.

A Marimekko vennero assunti molti designer che avevano già lavorato per i Ratia, tra cui quella che sarebbe diventata la più influente di tutti: Maija Isola, che per Printex aveva disegnato la fantasia Amfora e che nel 1964 creò Unikko, la celebre stampa con i papaveri stilizzati e dal rosso acceso (in risposta a Armi Ratia, che aveva fjallraven uk detto che Marimekko non sarebbe mai diventata un’azienda di stampe floreali), L’altro prodotto di maggior successo di Marimekko è la camicia Jokapoika, unisex e a strisce bianche e nere, inventata dalla stilista Vuokko Nurmesniemi. L’impatto di Nurmesniemi sulla moda finlandese fu notevole, grazie agli abiti dalle linee morbide che mettevano al primo posto la praticità e la libertà di movimento..

La cura per il design di Marimekko si riflette anche nel logo, che venne creato nel 1954 ed è il nome dell’azienda scritto con i caratteri della Olivetti, Marimekko ebbe un importante riconoscimento internazionale quando nel 1957 Timo Sarpaneva, uno dei più importanti designer e scultori finlandesi dell’epoca, propose di organizzare una sfilata di moda alla Triennale di Milano (la sfilata fu poi cancellata all’ultimo momento). Lo stilista Giorgio Armani, che all’epoca curava le vetrine della Rinascente di Milano, invitò Marimekko a esporre i suoi abiti nel reparto di abbigliamento dei grandi magazzini, Nel 1959 Jacqueline Kennedy acquistò sette vestiti di Marimekko per la campagna elettorale del marito; l’anno successivo ne indossò uno sulla copertina della rivista Sports Illustrated, contribuendo a far conoscere l’azienda negli fjallraven uk Stati Uniti..



Messaggi Recenti