Pantaloncini Adidas Uomo

Classico Pantaloncini Adidas Uomo - Risparmia il 10% su ogni ordine. Oltre 1000 stili sono in liquidazione.

LILLA (Umbro) LORIENT (Duarig) MONACO (Macron) MONTPELLIER (Nike) NANCY (Umbro) NIZZA (Lotto) pantaloncini adidas uomo OLYMPIQUE LIONE (Adidas) OLYMPIQUE MARSIGLIA (Adidas) PARIS SAINT-GERMAIN (Nike) RENNES (Puma) SAINT-ETIENNE (Adidas) SOCHAUX (Lotto) TOLOSA (Airness) VALENCIENNES (Nike).

Queste le parole del presidente Damaschi per presentare la casacca: “Abbiamo cercato di riprodurre quanto più possibile fedelmente  le maglie storiche del Perugia, nel segno della continuità e della scrittura di una nuova pagina di storia della nostra società, D’intesa con lo sponsor tecnico Puma, abbiamo lavorato per far rivivere la divisa storica del Perugia dei Miracoli, così come promesso lo scorso luglio durante la presentazione ufficiale della società alla città”, Dunque per una giornata accantonate le attuali divise della Puma, Non è la pantaloncini adidas uomo prima volta che il Perugia rende omaggio alle maglie del 1978-1979, Era già accaduto in due momenti topici dell’epoca Gaucci: lo spareggio promozione in A contro il Torino al termine della stagione 1997-1998, e il playout per la permanenza nella massima serie contro la Fiorentina, nel 2003-2004, Sponsor tecnico era la Galex..

La maglia utilizzata dal Perugia nel 1997-1998 era tutt’altro che simile a quella della stagione dell’imbattibilità, C’erano dei grandi inserti bianchi sulle spalle, con all’interno le scritte 1905 e Perugia in rosso con font medievale, E su tutta la maglia un grande grifone serigrafato, Ma il giorno dello spareggio pantaloncini adidas uomo promozione in A di Reggio Emilia, vinto ai rigori contro il Torino, la Galex preparò una maglia speciale, molto più semplice e decisamente richiamante il modello di fine anni ’70, Tutta rossa, con colletto a polo e scollo a V bianco con rifiniture rosse..

Stesso discorso per la stagione 2003 – 04. In quell’anno il Perugia, impegnato tra l’altro in coppa Uefa, arrivò quart’ultimo. La caratteristica principale della maglia era una linea bianca orizzontale che attraversava le maniche e il petto. Fu l’ultima stagione della serie A a 18 squadre e dello scempio della B a 24. La quart’ultima di A avrebbe spareggiato con la sesta di B per il 20° posto disponibile della massima serie 2005-2006. Fu Perugia – Fiorentina. E per la doppia sfida tornò un modello ispirato alle maglie del 1979, in versione rossa in casa e bianca in trasferta. Ma andò male per i grifoni: 0-1 al Curi e 1-1 al Franchi. E fu l’inizio della fine dell’era Gaucci, con conseguente inesorabile declino.

Tra il 1984 e il 1989, l’azienda tedesca è stata sostituita dalla Le Coq Sportif, Il marchio francese ha prodotto maglie molto semplici, ancora con colletto a polo e scollo a V, poche rifiniture gialle, mantenendo sempre lo schema della divisa:  pantaloncini adidas uomo rosso, azzurro, nero, Nel 1992 c’è il ritorno dell’Adidas, che come primo modello propone dei vistosi inserti gialli sulle spalle che ricordano molto il nuovo logo, andato a sostituire proprio in quell’anno il vecchio fiore, Le strisce sono presenti anche nella trama del tessuto, visibili in controluce, Mantenuti i calzoncini azzurri e i calzettoni neri..

Sempre nel 1992, per le Olimpiadi di Barcellona, la squadra di calcio della Spagna vinse l’oro scendendo in campo con delle curiose maglie prodotte dalla spagnola Kelme. Da notare oltre al discutibile design astratto sulla casacca, l’abbinamento a calzoncini e calzettoni blu navy, che ha caratterizzato gran parte dei successivi 18 anni. Nel 1994 irrompe il blu navy anche nelle divise della nazionale A prodotte da Adidas, sia negli inserti, che in calzoncini e calzettoni. Per le maglie dell’ Europeo del 1996, la presenza del blu navy si fa sempre più ingombrante. Ne risulta una maglia elegante, con il colletto alla coreana e le tre strisce che scendono in verticale dalla spalla sinistra, all’interno del lato blu della maglia.

Anche nel 1998 largo spazio al blu navy sui fianchi e sotto le braccia, con le tre strisce a costeggiare pantaloncini adidas uomo gli inserti lungo le maniche, Il colletto torna a V, blu con rifiniture giallorosse e al suo interno un triangolino rosso con le iniziali della federazione spagnola: FEF, Nel  2000 torna il colletto a polo, e tornano per la prima volta dal ritorno di Adidas le tre strisce gialle lungo le maniche, che finiscono all’interno di inserti tondeggianti blu navy, Nomi e numeri da bianchi diventano gialli..

Per il mondiale del 2002, ecco a mio avviso la peggiore maglia della Spagna degli ultimi 30 anni, Colletto girocollo e pantaloncini adidas uomo bordomanica gialli, Inserti gialli lungo i fianchi, che in trasparenza risultano arancioni e le tre strisce blu navy, quasi invisibili sul rosso, Sopra lo stemma reale compare la scritta España, soluzione inedita, che resterà in voga fino al 2005, Nel 2004 via il blu navy dalla maglia (finalmente!) e spazio solo al rosso e al giallo delle tre strisce e degli inserti nella parte posteriore delle maniche.  Maglia essenziale, la più simile a quella del 1982..



Messaggi Recenti