Stock X

Classico Stock X - Risparmia il 10% su ogni ordine. Oltre 1000 stili sono in liquidazione.

A style fresh enough for an encore [or multiple], Cop the three new Creepers by @badgalriri dropping May 26th, #FENTYxPUMA Una foto pubblicata da PUMA (@puma) in data: 18 Mag 2016 alle ore 08:02 PDT Le Fur Slides sono andate esaurite in pochi minuti e per questo Puma le ha rimesse in vendita il primo luglio, Sia delle Fur Slides che delle Creepers – esaurite in pochi giorni – sono stati messi in vendita ulteriori stock x modelli nel corso dell’estate, come le Fur Slides in argento e le Creepers con una fantasia mimetica sui toni del marrone, terminate sul sito di Puma molto in fretta, A metà giugno è uscito un nuovo modello, argentato, delle Trainer. Questi modelli si trovano ancora su Amazon e su eBay, spesso con prezzi più alti: ad esempio, sul sito italiano di eBay un paio di Fur Slides rosa costa  100 euro, 20 euro in più rispetto al prezzo sul sito di Puma..

Stacked with attitude, @Badgalriri approved, The Creeper Camo from #FENTYxPUMA drops July 28, Una foto pubblicata da PUMA (@puma) in data: 22 Lug 2016 alle ore 07:00 PDT The Trainer by @badgalriri is back, All new color, Same bold look, Gone stock x before you have time to double tap, Get them June 15, #FENTYxPUMA Una foto pubblicata da PUMA (@puma) in data: 13 Giu 2016 alle ore 07:00 PDT Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo..

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove, Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post, Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli, È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post, È un modo per esserci, quando ci si conta, Alla Settimana della moda c'erano anche collezioni disegnate da personaggi famosi, stock x che non si sono limitati a fare da testimonial ma hanno avuto un ruolo decisivo.

Una ricerca ha analizzato 1,1 milioni di interazioni su un servizio di incontri, scoprendo che gli utenti sono molto ma molto selettivi È stato il giorno di "Piuma", il secondo film italiano in concorso, diretto da Roan Johnson

L’organizzazione no-profit Business & Human Rights Resource Centre quest’anno  ha indagato sulle fabbriche turche del settore tessile che impiegano migranti siriani e producono per grandi marchi internazionali per segnalare i casi di sfruttamento dei lavoratori, Secondo la ricerca, conclusa alla fine di gennaio 2016, un numero di siriani compreso tra 250mila e 400mila lavora illegalmente in Turchia; 2,7 milioni di profughi siriani registrati si trovano in Turchia secondo i dati delle Nazioni Unite, ma solo il 9 per cento di queste persone vive nei campi gestiti dal governo, il resto deve provvedere autonomamente al proprio mantenimento, stock x Per questa ragione capita che alcuni migranti finiscano per essere sfruttati senza avere un permesso di lavoro regolare e che minorenni siano messi a lavorare illegalmente nelle fabbriche, Secondo il centro studi con sede ad Ankara ORSAM (Centre for Middle Eastern Strategic Studies) all’inizio di dicembre 2015 circa 250mila migranti siriani lavoravano illegalmente in Turchia..

La Turchia è il terzo esportatore al mondo di prodotti tessili verso l’Europa dopo Cina e Bangladesh. Società internazionali come Inditex (proprietaria di Zara), la catena di negozi irlandese  Primark e H&M sono clienti di aziende tessili turche: Inditex ha 158 fornitori in Turchia, Primark ne ha circa 100, H&M 72; tra le aziende di abbigliamento sportivo, Nike ha 6 fornitori, Adidas 5. Il Business & Human Rights Resource Centre ha parlato con 28 diverse aziende che hanno fornitori in Turchia per capire se sapessero chi è impiegato nelle fabbriche che realizzano i loro prodotti. I portavoce di H&M, Primark, Next (un’azienda simile a Primark che vende anche in Italia ), hanno detto di aver scoperto che alcuni dei loro fornitori impiegavano effettivamente dei migranti siriani. In una delle fabbriche che produceva per H&M e in due di quelle di Next lavoravano anche dei bambini.

Per assicurarsi che i lavoratori dei suoi fornitori non siano sfruttati, Primark fissa delle scadenze entro le quali chi non stock x è in regola deve formalizzare i rapporti di lavoro con gli operai; a gennaio 2016 la Turchia ha introdotto dei permessi di lavoro per i migranti che si trovano nel paese da più di sei mesi. Se i fornitori non rispettano le condizioni dettate dalla società, Primark si riserva di rivedere gli accordi commerciali con loro o terminarli, Il 5 per cento dei prodotti in vendita da Primark è realizzato in Turchia..

H&M è più categorica: dice di aver messo fine a tutti i rapporti con i fornitori che facevano lavorare migranti senza un regolare permesso, L’azienda poi si occupa di informare le organizzazioni non stock x governative locali in modo che possano aiutare i migranti eventualmente rimasti senza impiego, Inditex ha detto di avere dei programmi per aiutare i migranti a mettersi in regola con i documenti e di assicurarsi che siano pagati adeguatamente per il loro lavoro, È nell’interesse di queste aziende non essere coinvolte in casi di sfruttamento, specialmente se si parla di lavoratori minorenni..



Messaggi Recenti