Tods

Classico Tods - Risparmia il 10% su ogni ordine. Oltre 1000 stili sono in liquidazione.

La società Revlon comprerà l’azienda tods di cosmetici e profumi Elizabeth Arden per 870 milioni di dollari, equivalenti a circa 767 milioni di euro, Negli scorsi mesi sembrava che sarebbe stata Revlon a essere venduta, invece l’azienda ha scelto di unirsi a un altro marchio del settore in crisi per aumentare la sua offerta di prodotti, Le vendite di Elizabeth Arden infatti stanno scendendo a causa del generale declino delle vendite di profumi : negli ultimi due anni ha perso circa 400 milioni di dollari (più di 350 milioni di euro) nonostante la strategia di collaborare con alcuni personaggi famosi – recentemente Taylor Swift e gli One Direction, in passato Britney Spears ed Elizabeth Taylor – per la realizzazione di nuovi profumi..

I prodotti di punta tods di Elizabeth Arden sono quelli per la cura della pelle, in particolare antirughe; il prodotto più noto dell’azienda è la crema Eight Hour, prodotta a partire dal 1930, Con l’acquisizione di Elizabeth Arden, Revlon – che è specializzata invece nelle tinte per capelli e in ombretti, rossetti e smalti – potrà espandersi nel settore di cosmetici di lusso e più in generale in giro per il mondo, dopo che due anni fa aveva dovuto lasciare la Cina per tagliare i costi..

L’acquisizione di Elizabeth Arden è stata finanziata per 2,6 miliardi di dollari dalle banche Bank of America e Citigroup: oltre al costo delle azioni, il prestito servirà a Revlon per ripagare i debiti di Elizabeth Arden e i propri, Grazie all’acquisizione, che dovrebbe concludersi a dicembre, Revlon mira anche a risparmiare i costi della distribuzione e della produzione, Dopo l’annuncio dell’acquisizione, il tods 16 giugno, il valore delle azioni di Elizabeth Arden è cresciuto del 50 per cento, Revlon ed Elizabeth Arden comunque non sono le uniche aziende del settore della cosmesi in difficoltà: Estée Lauder ha recentemente annunciato il taglio di 1.200 posti di lavoro..

Revlon è stata fondata nel 1932, mentre il marchio Elizabeth Arden esiste dal 1910, quando la fondatrice eponima dell’azienda aprì il suo primo centro di bellezza a New York: all’epoca era raro che le donne si truccassero ed Elizabeth Arden cominciò a proporre rossetti e altri cosmetici anche come un simbolo della liberazione femminile. Una volta partecipò a una manifestazione insieme a 15mila suffragette sfilando con il rossetto come simbolo di forza. Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove, Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post, Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli, È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post, È un modo per esserci, quando ci si conta, Sì secondo il capo di Estée tods Lauder, il cui fatturato è aumentato anche grazie alla maggiore presenza sui social network.

Non si limita a produrre saponi e cosmetici con ingredienti equo solidali: finanzia campagne in tutto il mondo a sostegno dell'ambiente e per i diritti delle persone LGBT Un giornalista dell'Atlantic lo ha fatto per un mese, spiegando che le cose sono andate molto meglio di quanto ci si aspetterebbe

Il 19 giugno, a Milano, si è tenuta la sfilata della collezione primavera-estate 2017 di Prada, L’evento è stato organizzato in occasione della settimana della moda uomo di Milano (che si tiene dal 17 al 21 giugno), ma insieme alla collezione maschile sono stati presentati tods anche alcuni capi della collezione femminile, come Prada fa ormai da anni, Il tema della sfilata era il viaggio; modelli e modelle indossavano scarpe comode e più strati di vestiti; portavano zaini, giacche a vento e cappelli, Secondo la rivista di moda americana Vogue, la sfilata parla del mondo contemporaneo – in cui la situazione dei migranti che attraversano il Mediterraneo e i paesi europei continua a essere critica – senza però apparire ridicola e superficiale come la moda del film Zoolander, per capirci.  Vogue ha anche selezionato in un articolo le nove cose da sapere sulla sfilata e sulla collezione..

1, Il set della sfilata Modelli e modelle hanno sfilato su una struttura fatta di due ponti metallici (simili tods allo stile che si ritrova anche alla sede della Fondazione Prada, a Milano) illuminati da luci led colorate, La passerella era un percorso in salita: il viaggio immaginato da Prada non è semplice e in piano, (ANSA/FLAVIO LO SCALZO) ( FatalefashionIII ) 2, Gli zaini e le giacche a vento Molti modelli della sfilata portavano degli zaini. Fin dal 1984 lo zaino di nylon è uno degli elementi fondamentali dello stile di Prada: il simbolo dell’unione tra moda e utilità che da sempre identifica l’azienda e il suo immaginario. Appese agli zaini o indossate c’erano anche delle giacche a vento, altri capi di abbigliamento comodi e pratici, (GIUSEPPE CACACE/AFP/Getty Images).



Messaggi Recenti